GuestBook


  1. Alessandro Locati

    Musica favolosa per un etichetta fiammeggiante ;-)

  2. Joosep Sang

    Dear Sergio! Thanks for the CDs. Red Records is quickly developing into one of my favorite jazz labels. Bobby Watson is one of my favorite saxmen and the two Italian CDs provide good information about your local scene I know too little about. All the best to you and your label Joosep Sang Sunday Jazz Estonia

  3. Evan Rosaimundhos

    Ciarlo e poco rui itagliano. Ao escuciato el cd ru Hector Costita Bisignani represo au Sao Paulo du Brasil. Belisimo! Me piaser du escuciar autro du esto sensacional saxophonista. Cuando el proximo suo cd por la Red Records a mejor label ao mundo? Un besu por Sergio Veschi. Brava Red!!! Ciao Evan

  4. John Stevenson

    Dear Sergio, Greetings from England. I am a jazz critic and broadcaster based here in London. Through a happy circumstance,I was sent a load of cds in the mail by Flavio Bonandrini recently and of course, many of the cds were on the Red label. Let me congratulate you on the excellent work you are doing. Until I listened to Salvatore Tranchini and Pietro Condorelli and Antonio Farao, I had absolutely NO IDEA that such excellent jazz existed in Italy. Iam not ashamed to write and tell you that I had never before heard of these folks until I saw the Red catalogue. I did not know what they would sound like but my intuition has never failed me. Indeed, many of these Italian musicians can use the British jazz musicians for wiping the floor! If I had not asked specifically for Flavio to send these discs, I would never have known the quality of the jazz music coming out of Red records! With your permission I would very much like to write an article on yourself and Red Records for www.ejazznews.com and www.jazzreview.com who I write for regularly. I have already one on Soul Note/Black Saint already and will be reviewing soon the wonderful Quasimodo CD from Condorelli. By the way, Radio Suite (Tranchini) is a masterpiece!!!!!!! Please reply soon and please keep the jazz flag flying high in Italy. Sincerely, John John Stevenson Associates Dalston E8 3EE London - England

  5. Andrea Bassino

    Buongiorno Veschi! Come al solito "l’appuntamento" alla fiera del libro ha dato buoni frutti, i cd sono tutti (ovviamente) ottimi. Però.... come già lamentavo soltanto ieri sarebbe ora, dopo anni di immeritata assenza, di pubblicare qualcosa di nuovo di quel pianista eccezionale che è PIERO BASSINI! Inoltre, mi associo al Sig. Orvietani nel manifestare il vivo interesse per l’incisione di B.W. "Perpetual Groove", che mi farebbe enorme piacere vedere ripubblicata in CD. Così come mi farebbe piacere veder ripubblicati, di P.B., "Tonalità" (in piano solo) e "Open Form Contrast" (nell’OFT)(anche se possiedo già gli LP!!). Waiting4bassini le mando i miei saluti e ..... a presto!!

  6. Bobby Watson

    Looking at these pictures brings back many memories of that wonderful and historic night. I shall never forget that. It was t he beginning of my long and creative association with Sergio Veschi and Red Records. Also, Bravo to Giordano for documenting that night with his wonderful photographs. Bobby Watson write around the pictures with Open Form Trio (Bassini, Zanchi, Prina) on www.jazzitalia.net done in 1985 at Scimmie Jazz club in Milano where was recorded live Perpetual groove

  7. Kjell Andreassen

    Sergio I have been playing them since they got here, so yes, I LIKE IT VERY MUCH great music. I have not heard Salvatore before. I`ll let you know what we do use in the radio show Kjell RADIO HOLSTEBRO Denmark

  8. Matè Fausto

    Il vostro sito è meraviglioso... grazie per esserci.

  9. Scott DuBois

    Hi Sergio, Thanks for the quick reply! Sorry to hear about the distribution. Perhaps we can work something out in a few years. Your company has put out some great CD’s. I wish you the best. Scott DuBois

  10. Giuseppe Parisi

    Ho acquistato a Gubbio o due Cd di Bobby Watson: Love Remains e Appointment in Milano. Sono bellissimi. Non credevo che si potesse suonare il sax alto in questo modo (sono un sax alto dilettante ma ci capisco abbastanza). Anche le composizioni sono stupende. Non capisco perchè Watson non suoni più spesso nei granfdi festival come Umbria Jazz o altri. Li consiglio a tutti. Musica affascinante e profonda. Bobby Watson è un grande sassofonista e compositore. Anche il trio italiano di di Appoitment in Milano è bravissimo. Che fine ha fatto Bassini ?

  11. Davide Ariaudo

    Ogni disco Red è una sferzata d’energia. cordialmente Davide Ariaudo

  12. ALPHONSO LEE

    I HAVE THE CD QUIET AS IT KEPT, IT IS VERY GOOD CD, I PLAY IT ALL THE TIME. WOULD YOU KNOW WHAT ALTO AND SOPRANO SAX BOBBY WASTON IS PERFORMING WITH, MAKE AND MODEL NUMBER, HIS SOUND IS FULL AND SWEET. THANK YOU FOR YOUR TIME . PLEASE RESPOND AL LEE.

  13. Joosep Sang

    Joosep Sang (joosep@er.ee) Talin - Estonia Dear everybody at Red Records! I want to thank you so much for the three CDs you have sent me. I was positively shocked by the extremely high quality of all the albums. My knowledge of Italian jazz has so far been limited, so it is very rewarding to hear such world-class music and such recording quality. I can assure you that I will be playing this music in my shows again and again! Joosep Sang Klassikaraadio Estonia

  14. dott. Stefano Imperiale

    Colgo l’occasione anche per inviarVi i miei più sinceri complimenti e ringraziamenti per quanto avete fatto fino ad oggi per mantenere viva la fiamma del Jazz in Italia e non solo. Riesco con fatica a rendermi conto delle incredibili difficoltà che dovete incontrare in un paese pallonaro come il nostro per promuovere e diffondere il jazz senza mai accettare compromessi, con l’idea di produrre arte, solo arte e niente altro. Le vostre incisioni sono spesso sublimi. Per tutto questo, Grazie, grazie, grazie. Stefano Imperiale dott. Stefano Imperiale Via Paverano 23/27 16143 Genova Italy

  15. Robert van Niekerk

    Robert van Niekerk - Oxford Dear Sergio - thank you so much again for the Dyani recording "African Bass" as well as the sampler from Red Records - it was quite wonderful. The quality of playing of the musicians (particularly Bobby Watson) indeed reminded me of those historic 1950’s/1960’s Bluenote recordings of artists like Dexter Gordon etc. I will definitely keep your label in mind for releases of future recordings.

  16. L. Ralph Mellon

    I need to purchase this CD: FRED HERSCH TRIO + JERRY BERGONZI "ETC PLUS ONE" (RR 249). Unfortunately, my Italian is not that good (that’s an understatement!): is there a link to an English order form? Please advise.

  17. Carlos Fernandez Pacin

    Hola Sergio, Desde Argentina te escribe Carlos Fernandez Pacin, conductor y productor del programa radial "Jazz Cafe-El Aroma del Jazz" que se transmite de Lunes a Viernes de 9 a 11hrs AM y de 9 a 12hrs PM a traves de la FM Urquiza 91.7MHZ. Ante todo quiero desearte para vos y los tuyos un Feliz y Prospero Año Nuevo, y agradecerte el material que gentilmente me enviaste en el 2003 para difundir en el programa de radio antes mencionado. Te cuento que desde el mes de Octubre "Jazz Cafe"(al igual que toda la radio) se puede escuchar en tiempo real via internet en: www.fmurquiza.com Ahi vas a poder escuchar todo el jazz nacional y la colección de Red Records. Ayer volví a difundir el CD de "Massimo Urbani-Easy to Love" y la audiencia continua sorprendida y maravillada por el sonido tan parkeriano de su saxo. Me gustaria poder contar con el nuevo material de Rec Records en este nuevo año de "Jazz Cafe", titulos como: Fabio Morgera "Red Stars" y "Colors", Pino Di Modugno "Bedouin", Vito Di Modugno "Organ Grooves", Jim Snidero "While You Here", Piero Odorici "Estate". Si tu me los puedes enviar hazlo a esta dirección: Nuñez 3965-CP 1430-Capital Federal-Buenos Aires-Argentina. Desde ya cuenta conmigo para lo que tu consideres necesario. Te envio un fuerte abrazo y decirte que para mi es un gran honor poder presentar y difundir el excelente material de Red Records. Mi sincero y profundo agradecimiento. Carlos Fernandez Pacin

  18. Euro Roscini

    Un sito veramente affascinante, ricco di links utili, dai contenuti interessanti e dalla grafica accattivante, complimenti davvero. Euro http://perugia.euroroscini.it

  19. Asaba Owerri

    I love thIs page. It loks really nice. Keep it up

  20. Andrea Mesoni

    Ho acquistato diversi CD della Red Records allo stand della Palma di Roma quest’estate e mi sembra doveroso rimarcare la superba qualità artistica, musicale e tecnica degli stessi. E’ bello sapere che in Italia si produce Jaz di questo livello che non ha confronti con quello di altre etichette italiane. Andrea

  21. Bruno Anastasi

    Caro Sergio, per quello che vale, c’è un tizio che si aggira nel territorio Marche/Abruzzo a bordo di una Kawasaki 750 promuovendo il marchio Red. Grazie anche per il bonus "The Latin Jazz Side", graditissimo. Del materiale che mi hai spedito ho già ascoltato il live del 29th S.Q. e "Into The Blue": stupendi, Watson e Boltro immensi. Ciao e grazie ancora. Bruno.

  22. C. Michael Bailey

    Sergio: Now that you are back on the map, I went out and looked at the website and noted two new discs that I would be very interested in reviewing. Would you please send me: Piero Odorici-Estate Vito Di Modugno-Organ Grooves I am listening to Salvatore Tranchini’s "Faces" and I am completely knocked out. I have already elected to place Pino Di Modugno’s "Bedouin" on my end of 2004 best CDs list and I am sure I will have to include "Faces" also. I am so sick of the music I have been reviewing most recently that it was truly an honor and pleasure to receive the superb music you sent. There will be multiple articles to come out of these. I am most grateful to you , Sergio Regards, Michael C. Michael Bailey Senior Contributor All About Jazz

  23. Dott. Stefano Albano

    Cari giovanotti, oltre a scrivervi per ricordarvi che la Dienne Distribuzioni Nazionali è sempre a vostra disposizione qualora vi decidiate a voler mettere in edicola i mitici cd jazz in qualche fortunata città, vi informo che il malcapitato (ovvero io) è stato oggetto di un furto gravissimo. Nella mia adoratissima macchina con la quale percorrevo i miei adoratissimi 4000 km/mese c’erano i vostri mitici cd con i quali mi dilettavo spesso. Ora, mi hanno rubato la macchina!!!!!!!(non che mi importi più di tanto visto che c’è l’assicurazione), ma mi hanno RUBATO ANCHE I VOSTRI CD!!!!! Sono qui quindi a richiederveli ancora perché pezzi quasi unici e assolutamente introvabili. Potete mandarmeli in ufficio????? Ovviamente il tutto a pagamento. Fatemi sapere se potete e vi sarò sempre grato. I titoli che mi hanno solato sono: BOBBY WATSON - APPOINTMENT IN MILANO RED RECORDS ALL STARS REFLECTIONS DI BARRY HARRIS E CHARLES DAVIS HECTOR BISIGNANI - ESTAO TODOS Grazie mille...e a presto Dott. Stefano Albano Dienne Distribuzioni Nazionali s.r.l. Via Novacella 18 00142 Roma tel. 06.59.60.66.22 fax. 06.59.60.66.26 email: stefanoalbano@dienne.org http://www.dienne.org

  24. ROBERT RICKETTS

    Hi, THANKS FOR YOUR REPLY I AM AN ANNCR., AT KCSM,24 HR JAZZ STATON,IN THE BAY AREA (SF) I LOVE YOUR LABEL AND AM EXCITED TO LOCATE YOU AT "THE SOURCE! " ROBERT RICKETTS

  25. F. Viale

    Bonjour à tous, Ci joint la play-list du mois de février conçernant mon émission de LA BOITE DE JAZZ. (Tous les vendredi de 19.20h30) Les albums que vous m’avez envoyer sont exceptionnels. Orthodoxa de S.BONAFEDE merite largement les distinctions qu’on lui a attribuer. A bientôt et encore merci pour votre collaboration. F.VIALE

  26. A.T. Mc Donald

    Fantastico !!!!!! Ho comprato una 20 di CD della Red Records quest’estate a Villa Celimontana e trovo che il livello della musica e dele registrazioni è altissimo. Solo la mitica Blue Note aveva dell amusica dello stesso livello. Ha ragione Joe Henderson a dire che la Red ha lo stesso senso del jazz dell astorica BN. Il ragazo che lavorava allo stand era inoltre molto simpatico e consceva iljazz e il catalogo della Red benissmo. Complimenti e congratulazioni. Non credevo che in Italia ci fosse gente in grado di produrre jazz di questo livello. Anche alcuni dei musicisti italiani che ho avuto modo di conoscere grazie al catalogo Red Records sono d’alto livello. Bravi. A.T. McDonald

  27. Paolo Nizola

    Caro Sergio, con la presente vogliamo ringraziarti per la sensibilità e l’aiuto concreto che ci hai dato in occasione dele recente concerto di Jerry Bergonzi, che tanto interesse ha destato nella nostra città e tra gli appasionati della zona. Riconfermandoti la nostra gratitudine cogliamo l’occasione per annoverarti nelle fila dei nostri sostenitori. Associazione BollaTe Jazz Meeting Paolo Nizzola

  28. castelli paolo

    molti ringraziamenti per il catalogo e per la gentile sollecitudine dell’invio. ho recentemente acquistato alcuni vostri cd " easy to love" e "the blessing" di m.urbani e cercavo nel vostro catalogo altre incisioni dell’immenso massimo. venerdì ho preso "via gt" e ora il sax di urbani sottolinea questa mail. sperando di trovare altri titoli di mio interesse vi rinnovo i miei ringraziamenti. saluti castelli paolo

  29. Antonio Iammarino

    "Two as One", preso qui a Roma un paio di settimane fa, credo si sia fuso col lettore CD nel quale risiede ormai in pianta stabile. Antonio Iammarino

  30. Steven Rockwell

    Red Records is a wonderful Italy-based jazz label that features many great musical artists. While most of their releases are strictly on CD, a select few are also available on vinyl. Great music well worth seeking out. Steven Rockwell http://www.enjoythemusic.com/

  31. Juan Flores

    Hola Sergio, I contacted you a couple of months ago, to request your latest releases from The Jazz Tribe and any other Latin Jazz influenced group you may have in your catalog. You have a great product that I would love to spin for mylistener. Thank you for your time. Juan J.Flores

  32. Chicco Padovan

    ritorno dopo troppo tempo.Ma la vita ha voluto mettermi alla prova ed il silenzio mi ha portato a spasso con se.In quei meandri dove nessuno riesce ad entrare è tu stesso rimani imbrigliato nel silenzio di una rete che ti avvinghia e che non ti molla. Torno per dirvi quanto tutto questo mi sia mancato,umile figlio del jazz,consapevole del vostro lavoro che mai dovrà fermarsi. A molto presto e scusate il ritardo.’

  33. Paolo Di Sabatino

    gentimo sig. Veschi Le spedisco il mio primo CD perchè per me è un onore che l’artefice della creazione della più prestigiosa e qualitativa etichetta italiana di jazz sia in possesso del mio primo lavoro. Forse non mi crederà, ma la sua è l’unica etichetta (e lo dico senza timore di essere smentito) alla quale l’ho mandato. Questo perchè ancora non mi capita di ascoltare un disco della Red che non sia artisticamente all’altezza della situazione (e non si può dire altrettanto delle altre etichette italiane). Il disco è stato recensito positivamente da diversi giornali, ma evito allegarle quì visto che è già in possesso di orecchie, caro sig. Veschi, che non hanno sicuramente bisogno di essere aiutate da recensioni o da giudizi di nessun genere. Spero le piaccia,   un saluto Paolo Di Sabatino

  34. fabio morgera

    http://www.fabiomorgera.com Non posso astenermi dall’esprimere la mia solidarieta’ con chi si adopera per la diffusione della musica di Woody Shaw... Egli rimane a mio avviso l’ultimo grande trombettista e compositore di questa musica che chiamiamo jazz. La sua profondita’ spirituale unita alla purezza di suono, la tecnica magistrale e le sue innovazioni armoniche e strumentali ne fanno il mio preferito. A parte i grandi Don Cherry e Lester Bowie, anche loro purtroppo scomparsi prematuramente (sembra essere il destino di molti trombettisti) e’ difficile immaginare un ultimo innovatore che si possa avvicinare a Woody. Quando la Columbia si accaparro’ Marsalis per costruire con lui un solido futuro economico che sfruttasse il connubio jazz-musica classica, pensarono addirittura di disfarsi degli albums registrati da Shaw vendendoli alla Mosaic, (etichetta indipendente con sole vendite su ordinazione ) per eliminare qualsiasi tipo di competizione! Solo ora le cose stanno tornando alla normalita’ , e gradatamente si recupera l’opera di questo gigante del jazz. La registrazione live della Red lo coglie forse nel suo migliore momento artistico, composizioni eccellenti, band solida e grandissima forma del trombettista, che puo’ far sognare col suo vibrato nei suoni acuti e la profondita’ nel registro basso o farci scervellare con i passaggi atonali! Anch’io come Tony considero "Time is Right" una vera perla, e sono orgoglioso che sia stata un’etichetta italiana a catturare la magia di quella sera. Bravo Sergio, Woody Shaw lives on!

  35. Mohamed Elhedef

    Dear Sir / Mrs My name is Mohamed Elhedef . I ’am Tunisian journalist in " Essahafa I would like to express my great appreciation to your remarkable effort done in your famous Label "RED RECORDS", I appreciate, also,your good choice in producing CD’s and introducing new artists, Bands to people from all As you notice that my job in closely connected to your activities field (as it shown above) so, would you like please send me, periodically, your new releases (CD’s ),Info, Biographies about Artists and Bands that you produce, so that I can introduce them through my articles and my musical production in "Gafsa Radio" to the public in Tunisi, the country in which many musical events take place all the year: - Tabarka Jazz Festival , - Tabarka World Music Festival , As for my part, I will send to you the original copies of my articles, then I hope that this contact will be the beginning of a fruitful relationship between us. May Music still a wonderful diplomat and a good reason for Life. Best Regards & Good Vibes Mohamed Elhedef

  36. giorgio molinario

    Caro Sergio, ho ascoltato NAPOLI CONNECTION con grande emozione.Spero che Bergonzi prosegua con la sua sublime evoluzione musicale!

  37. Antonio Passaretta

    Il primo disco Red Records che ho comprato, per puro caso, è stato "Milano-New York Bridge" del 29th Street Saxophone Quartet: l’album è splendido, ma la cosa più importante è stata scoprire Bobby Watson e la Red Records. Attualmente posseggo circa 30 album della Red, che credo rappresentino circa un quinto dell’intero catalogo, li ho acquistati seguendo un percorso che da Bobby Watson mi ha portato a Massimo Urbani, Joe Henderson, Kenny Barron, Chet Baker, Cedar Walton, Piero Bassini, fino ai più recenti Pietro Condorelli e Fabrizio Bosso. Sono convinto che se avessi un quinto della produzione di una qualunque casa discografica, sarebbe difficile avere la qualità che ho riscontrato negli album Red Records. Credo che la differenza la faccia, oltre alla presenza di artisti di livello assoluto, un certo riconoscibilissimo sound Red Records, un sound coinvolgente, appassionante, che non ti stanca mai, neanche al centesimo ascolto! Un grazie dunque alla Red Records per l’impegno nell’offrire sempre musica d’alto livello ed un invito a continuare su questa strada. Antonio Passaretta

  38. Yoni Miller

    Hello Red Records, I have purchased Your release of Bobby Watson’s "Love Remains" and now I can definitely say it is one of the best CD’s in my growing Jazz collection, a beautifull, marvelous, wonderfull Album !! Since I plan or buyng more Red Jazz Records in the future, I’d be very gratefull if you could send me a free catalog. This is my adress: Yoni Miller, Caesarea, 38900 P.O. Box 1201 Israel Sincerely, Yony Miller

  39. Paolo Rampino

    Gentile sig.Veschi, ho ricevuto due giorni fa il pacco con i cd da me ordinati (Liebman-Baker-Henderson), con in più un interessante cd sampler che ho molto apprezzato. Con l’occasione ne approfitto per farle i complementi per l’alta qualità delle vostre proposte, le cui costanti caratteristiche mi paiono schiettezza, la diretta semplicità e l’intensa carica emotiva di ogni produzione. Ho iniziato ad ascoltare la musica della Red Records attraverso i cd allegati alle riviste Audiophile Sound e Musica Jazz e ne sono stato immediatamente conquistato: grandi interpreti, repertorio in equilibrio fra standards e temi originali, ottime registrazioni. Purtroppo dalle mie parti - io vivo in provincia di Brindisi - non è facilissimo trovare i dischi del catalogo Red, e tuttavia ogni suo disco di cui sono riuscito ad entrare in possesso non mi ha deluso, anzi! Innanzi tutto Love remains, uno straordinario capolavoro, poi Robert Stewart (Nat the cat), e adesso i tre cd arrivati l’altro giorno, che naturalmente ho immediatamente ascoltato e gradito. Credo ci sia poco di nuovo da dire sul Chet Baker di "At Capolinea" ed anche su Joe Henderson (ma che stupenda versione di Round Midnight!), ma la vera sorpresa è stato il cd di Dave Liebman, davvero di alto livello i suoi assoli e l’apporto della sezione ritmica, e con un gruppetto di standards veramente da brivido (I’m a fool...). Quanto al cd sampler, non so quanto riuscirò a resistere prima di correre a procurarmi Piero Bassini e Steve Grossman! La saluto cordialmente, Paolo Rampino

  40. Corrado Guarino

      Complimenti a Bassini per i suoi due slendidi CD per la Red. Era tanto che non sentivo un pianista ed delle musiche così emozionanti Corrado Guarino Frosinone

  41. ToNy MaNcUsO

    Red Records sempre piu` GLOCAL e stimata all’estero. Vi segnalo un articolo di Ben Ratliff apparso sul NYT in occasione della scomparsa del grande Higgins. Mi ha fatto piacere leggere che il contributo di Higgins alla storia del jazz sia stato ricordato da Ratliff menzionando due dischi (due di tre mi sembra... almeno come leader) Red: Soweto e Once More. May 4, 2001 Billy Higgins, Jazz Drummer With Melodic and Subtle Swing, Dies at 64 By BEN RATLIFF Billy Higgins, one of the best-loved and most-recorded drummers in postwar jazz, died yesterday at a hospital in Inglewood, Calif. He was 64 and lived in Los Angeles. The cause was kidney and liver failure, said a friend, Dorothy Darr. Since the late 1950’s, when he made a name for himself by playing on Ornette Coleman’s early recordings, Mr. Higgins was one of the most musically sensitive jazz players around, with a light but active swing, a delicate cymbal sound and a melodic style of playing that made drumming with a normal kit sound like a watercolor painting in progress. His style did not draw attention to itself and could not be described by mannerisms; his musicianship simply raised the standard of every band he played in. He got his nickname, Smiling Billy, because he always seemed to be in a state of glee while performing. "It was a joy just to see him play," said Matt Wilson, one of many young drummers who count Mr. Higgins as a primary influence. "He had a very transparent sound; it was aggressive, but hidden, never in your face. It was elegant." In The Penguin Guide to Jazz on CD, the most comprehensive jazz recordings guide, Mr. Higgins’s list of credits on in-print albums is among the longest. He recorded with Thelonious Monk in the late 1950’s, with Lee Morgan, Donald Byrd and Hank Mobley; and with Cedar Walton, Sonny Rollins, Joe Henderson, Pat Metheny, David Murray, Charles Lloyd and John Scofield. Besides playing the drums, he sometimes sang and played guitar. Mr. Higgins said he wanted to be a professional musician from the age of 8. He played rhythm and blues in Los Angeles, but he also made an important connection with another young musician, the trumpeter Don Cherry, forming a group called the Jazz Messiahs; the two musicians befriended Mr. Coleman at the same time in 1956, and they ended up in the same quartet, playing Mr. Coleman’s bluesy and frequently pan-tonal music. Mr. Higgins came to New York with Mr. Coleman for an extended booking at the Five Spot Cafe that began in November 1959. That residency is regarded as a pivotal moment for jazz. Once settled in New York, he became virtually the house drummer for Blue Note Records during the 1960’s, playing on countless hard-bop recordings. In the 1970’s he became a regular member of Mr. Walton’s trio, which continued into the late 1990’s. And he found steady work with the Timeless All-Stars, as well as the Hank Jones Trio. By the end of the 70’s Mr. Higgins was releasing his own records, beginning with "Soweto," "Soldier" and "Once More." Mr. Higgins was on the faculty of the jazz studies program at the University of California at Los Angeles, and taught at World Stage, a Monday-night program for budding musicians at Leimert Park in Los Angeles that he founded with Kamau Daa’oud, a poet. In March 1996 Mr. Higgins had his first liver transplant and needed another one within 24 hours when it was determined that the first liver was bad. Jazz aficionados were surprised when he began playing again, coming to New York with Mr. Coleman, Mr. Lloyd and Harold Land. His final performance was at the Los Angeles club Bones and Blues, on Jan. 22, when his students and his colleagues — including Mr. Lloyd and Mr. Land — played in a benefit to support his fight against liver disease. He is survived by four sons: Ronald, William Jr., David and Benjamin, all of Los Angeles; two daughters, Ricky and Heidi, both of Los Angeles; and a brother, Ronald, of Palmdale, Calif.

  42. Mariano Lucchese

    Colgo l’occasione per manifestarVi la mia più grande ammirazione per la "filosofia" della Vs etichetta, per aver dato un giusto riconoscimento a chi non fa abitualmente parte dei circuiti discografici più potenti e commerciali, in un periodo in cui le mode purtroppo la fanno da padrone, e per aver trattato il jazz di casa nostra con il giusto equilibrio, senza snobbarlo e senza incensarlo in maniera eccessiva. Mariano Lucchese

  43. Claudio Lanzini

    Claudio Lanzini Rosario Santa Fe - Argentina I am a Jazz music fan and I greatly admire your recordings. Unfortunately, there is not enough information here, inArgentina; so I would like to be put on your mailing list and receive information about all new releases. In addition, I would like to congratulate you because of the quality of your products. I wich you every success and I look forward to hearing from you as soon as possible. Respectfully your Claudio Lanzini

  44. Michele Pezza

    Una volta ho fatto un piccolo esperimento: ho preso tutti i cd di jazz italiano(miei e di tutti gli amici)e li ho messi nello stereo senza guardare prima l’artista o l’etichetta discografica. Quelli Red li ho riconosciuti tutti, senza un errore. Questa mi sembra essere la peculiarità della Red Records: avere uno stile! E’ non è roba da poco il coraggio della coerenza. Grande Musica, Grandi Artisti, senza compromessi...Bravo Sergio!

  45. Alvaro Neder

    Alvaro Neder - Rio de Janeiro - Brazil Congratulations for the new home, "Blue Note of Europe" and Sergio. I’m looking forward for your new releases --- may them be great as the previous ones! Alvaro

  46. Giuseppe Quirino

    INNER VOICES & SWING AROUND THE WORLD IN CONTEMPORARY MAINSTREAM JAZZ Questa mi sembra una definizione perfetta per il jaz prodotto dalla Red. I miei complimenti. Giuseppe Quirino

  47. Donatella Paggi

    Mi sembra un’ottima idea Sig.Veschi, se riesce ad aggiornarlo con una certa frequenza i suoi clienti potranno seguire l’attività della sua etichetta con maggiore soddisfazione. Donatella

  48. Giacomo Bodrini

    Complimenti sig. Veschi per le sue ultime uscite trovo che i Cd di Zeuren e Robert Stewart siano molto belli e anche molto diversi l’un l’altro. Non capita spesso di sentire jazz di questo livello oggi ed è sorprendente che sia una etichetta italiana a farlo. Giacomo Boldrini

  49. Terry Berne

    Thanks for everything. Your label is great! Cheers, Terry

  50. Stefano Vezzali

    Stefano Bolzano Vi ho scoperto solo da poco con quel CD allegato a MUSICA JAZZ, e per me e’ stata una grossa sorpresa. Complimenti

  51. Mitchell Feldman

    Mitchell Feldman - Down Beat / Italy keep swingin’, Sergio! Music always, Mitchell

  52. G. Pappas

    I am here in the USA and I want to buy a copy of the new David Binney/Edward Simon cd! What can I do? You guys do some great stuff! Gregory Pappas

  53. Tony mancuso

      attivero` nel sito di cui parlavo anche una chat, un forum e una mailing list per trombettisti e appassionati di jazz! Scusate, ma a costo di risultare pedante devo dire una cosa: il disco di cui parlavo (Time is Right di Woody Shaw, 123168-2 Red Records) vale la pena di girare nei vostri lettori solo per un glisse’ di mezzo pistone eseguito con superba maestria e sensibilita` che fa letteralmente spiccare il volo alle note successive. Questo importantissimo frammento di assolo si trova nella prima traccia (From Moment to Moment) dopo 7’ e 57". Caspita ragazzi, e` un frammento che pesa come un mattone se si pensa all’abilita` e al gusto con cui e` stato eseguito (e, non meno, alle note che seguono il glisse’ in questione). Se questo in questo CD fosse stato inciso solo ed esclusivamente il loop ripetuto all’infinito di questo frammento di assolo lo avrei acquistato ugualmente. Ne vale la pena... senza nulla togliere ovviamente ai brani successivi. Per gli alti contenuti artistici questo CD e` fortemente sconsigliato agli appassionati soggetti a crisi catalettiche... c’e` il rischio di rimanere rintanati dalla mattina alla sera con questo CD che suona ininterrottamente tutto il giorno... (come e` successo a me...) Ciao TM

  54. Robert Klein

    Mr. Veschi, My intension was to compliment "Red Records", an Italian Jazz label, for making available wonderful jazz recordings. Your label consistantly produces recordings I personally find enjoyable. Thank you. I am unable to find Bobby Watson’s "Perpetual Groove" on CD (I have the vinyl). Is it available on CD? Once again, thank you. I sense a love of the music in your efforts. Sencerely, Bob Klein

  55. Bobby Watson

    I want to congratulate Sergio and Red Records on their 25th Anniversary. My Relationship with Red is one of the most important Artistic associations I have ever had in my life. From the beginning of my relationship with Red, Sergio as always pushed me to be Bobby First, in other words, he let me be me. In fact, Sergio has saw things in my artistry that I did not see clearly myself at different times and encouraged me to follow through with a record!.. Check THAT out!! Much of what I am today as an artist is because of my association with Red Records. Grazie Mille, Bobby Watson

  56. David Skorton

    David Skorton Iowa City - USA We would like to include artists of Your label as: Ray Mantilla Bobby Watson and others Thank you for your assitance. The audience here is sophisticated - and hungry. It should be a great opportunity for the community to experience the best in Latin Jazz. Sicerely, Dr. David Skorton Host of "As Night Falls-Latin Jazz" University of Iowa KSUI FM

  57. Satoshi Suzuki

    Dear Mr. Veschi, Please excuse my sending an email out of the blue, but I had a chance to listen to your RED RECORDS JAZZ SAMPLER 1 (RR123102-2) and it made me have a say. I am a Japanese jazz fan living in Germany. I was familiar with the name of Red Records from the Paul Bley release, "Blues on Red" (I’m a BIG Bley fan Lately Ms. Aogi Yoshizawa was so kind to send me this sampler CD, and I got to get acquainted with the world of, as liner note puts it, "Blue Note of The Europe." What impressed me first (and consequently the most after several listenings) were two trio sessions from those Italian pianists, Piero Bassini and Franco D’Andrea. "Step’s Blues" is really an energetic tune and Bassini’s percussive manner really fits my taste. D’Andrea makes a dramatic construction on "Kick off", and The trio demonstrates a very refined empathy, sometimes suggesting a kind of Mediterranean fire I tend to associate with Italian musicians. I was really excited. I believe the selection of American musicians in the lineup is also a very interesting one, and I enjoyed very much listening to Steve Grossman’s muscular solo in the trio setting which he gets more space to work in; Jerry Bergonzi’s mysterious tone on a solid foundation from Bruce Gertz and Salvatre Tranchini; and Bobby Watson’s really distinctive sound on two selections he participates in. And I should not forget to mention Massimo Urbani’s heated solo in the Giovanni Tommaso tune. That’s really something. I really had a fun time, and hope to hear more, especially from Italian musicians. It is difficult to find an Italian local releases here in Germany, and I will check Ms. Yoshizawa’s website as well as some internet shops. I again thank Ms. Yoshizawa to have given me a very good opportunity, and hope RED RECORDS will keep releasing exciting music and have a success in Japan too. Sincerely, Satoshi Suzuki

  58. BOB FRANCESCHINI

    from saxophonist BOB FRANCESCHINI  DEAR SERGIO, A FEW OF MY FAVORITE RECORDS ARE ON YOUR LABEL, BERGONZI, GROSSMAN, AND ESPECIALLY A RECORD YOU DID WITH BILLY HIGGINS I THINK IT IS CALLED SOWETO.... Bob Franceschini

  59. Cristian Batellieri

      So che Sergio Veschi di RedRecords frequenta, di tanto in tanto, questo NG; lo voglio pubblicamente ringraziare e voglio comunicare tutta la mia riconoscenza per avermi fatto conoscere due artisti di grande sensibilita’, geniali nell’esecuzione, autori raffinati. Giovedi’ scorso sono stato al Top Audio, era il giorno d’apertura; ho partecipato all’esibizione di Pablo Bobrowichy e Luis Sagudo (avrebbe dovuto partecipare anche Bobby Watson, ma a causa del disastro americano non ha potuto partecipare). Il duo Bobrowichy-Sagudo mi ha veramente affascinato. Credo che il jazz, inteso nella classica accezione del termine come incontro tra diverse culture e contaminazione abbia qui trovato una delle massime espressioni. Non ricordo quanto sia durato l’evento, ma certamente troppo poco. Ho acquistato i dischi editi dalla Red Records (www.redrec.net) a firma di Bobrowichy e Sagudo e li sto ascoltando quotidianamente. Sono una rivelazione. Grazie Pablo, grazie Luis e grazie anche a Sergio Veschi per averli portati al Top Audio.

  60. Chip Saam

    Sergio - I received my copy of "Nat The Cat" last Friday. I’ve listened to it several times - great stuff! Thanks again. Cheers Chip Saam

  61. Paolo Curtabbi

    Il 25° della Red di Paolo Curtabbi sul Giornale della Musica la Red è rimasta un’etichetta indipendente dalla forte e coerente identità che l’ha portata a mietere discreti successi di vendita e a guadagnarsi la stima e la fiducia degli ascoltatori. Al di là dei gusti e delle scelte infatti, la Red è rimasta al passo coi tempi senza scadere allo scaltro interesse commerciale (a differenza di altri, i dischi di Veschi non sono coprodotti dai musicisti ed i costi sono completamente sopportati dal produttore che applica anche una coraggiosa politica di vendita con prezzi di copertina decisamente convenienti) o ad ambigui inseguimenti delle mode di turno. Più che l’improvvisazione libera e fine a sé stessa, a Veschi interessa il jazz nella sua natura di linguaggio codificato dalla storia, con un vocabolario ed una grammatica propri ed una sintassi ricca di varianti scaturite dal filone nero-americano (e da tutte le sue derivazioni geografiche) che costituisce il serbatoio principale, anche se non obbligatoriamente l’unico, in termini di repertorio, di patterns e di modalità esecutive. La componente ritmica del jazz infatti sta particolarmente a cuore al patron della Red ugualmente interessato agli altri aspetti della cultura americana e ispano-americana che lo hanno portato ad indagare tra le numerose potenzialità del sud continentale.

  62. John Stevenson Associates

    Dear Sergio, Greetings from England. I am a jazz critic and broadcaster based here in London. Through a happy circumstance, I was sent a load of cds in the mail by Flavio Bonandrini recently and of course, many of the cds were on the Red label. Let me congratulate you on the excellent work you are doing. Until I listened to Salvatore Tranchini and Pietro Condorelli and Antonio Farao and Piero Bassini, I had absolutely NO IDEA that such excellent jazz existed in Italy. Iam not ashamed to write and tell you that I had never before heard of these folks until I saw the Red catalogue. I did not know what they would sound like but my intuition has never failed me. Indeed, many of these Italian musicians can use the British jazz musicians for wiping the floor! If I had not asked specifically for Flavio to send these discs, I would never have known the quality of the jazz music coming out of Red records! With your permission I would very much like to write an article on yourself and Red Records for www.ejazznews.com and www.jazzreview.com who I write for regularly. I have already one on Soul Note/Black Saint already and will be reviewing soon the wonderful Quasimodo CD from Condorelli. By the way, Radio Suite (Tranchini) is a masterpiece!!!!!!! Please reply soon and please keep the jazz flag flying high in Italy. Sincerely, John

  63. Tony Mancuso

    Complimenti Sergio, anche stavolta hai avuto l’occhio lungo! Come mai, mi chiedo, qui non si parla mai di Bassini, mentre al di fuori dell’Italia ne parlano benissimo? Come mai i dischi di Sergio Veschi sono cosi’ apprezzati all’estero mentre in Italia o passano sotto silenzio o sono decisamente osteggiati? Sergio, un consiglio, smonta tutto a Lampugnano e vai a cercar fortuna in America! Lo posto qui un intervento di Fabio Chiarini preso dalla rivista americana Cadence sul disco di Bassini "Intensity" (n. cat. 123266): Andy Bartlett, della rivista americana Cadence, ha definito questo lavoro del pianista lodigiano Piero Bassini come "un solido contributo, in senso globale, al piano jazz", segno evidente che l’arte di Bassini arriva anche oltreoceano se ad ascoltarlo ci sono critici attenti e sensibili, un arte purtroppo dimenticata nel nostro paese, sempre pronto ad acclamare i soliti quattro musicisti, dimenticandosi in toto di intere legioni di jazzmen, dei quali Bassini potrebbe essere, a buon diritto il capofila. Intensity riassume con una maturità incredibile l’intera carriera di Bassini, con i suoi sorprendenti guizzi, la perfetta padronanza dello strumento, l’accostamento ai suoi grandi maestri neri e la capacità di sintetizzarne in modo del tutto personale la lezione, con una tensione ritmica che pare sfociare in un dramma avvertibile, incombente. La composita suite iniziale porta Bassini a confrontarsi con mondi ed espressioni lontanissime: da Jelly Roll, al blues, alla politonalità, tutto senza sprecare una sola nota, arrivando dritti al cuore della musica, senza alcuna concessione all’edonismo, o al compiacimento del proprio bel suonare. Un disco non facile ma capace di regalare emozioni molto profonde, da ascoltare e riascoltare per scoprirne le stratificazioni stilistiche, i passaggi fantasma, le insenature nascoste di un grande maestro del pianoforte jazz.

  64. Barry Kernfeld

    Barry Kernfeld - Pennsilvanya Dear Red Records, Grazie!!! I shall be very happy to play tracks from these CDs on my "Jazz in Europe" show on the local university radio station, WKPS, 90.7FM. Yours fondly, Dr. Barry Kernfeld, editor The New Grove Dictionary of Jazz

  65. Ilias Vigliotti

    Red Records equivale a qualità, originalità, futuro: ma vogliamo un nuovo album di Pietro Condorelli!!!!! A presto

  66. marco

    complimenti !! E’ proprio un lavoro ben fatto !!

  67. Andrea Peyran

    da fedele ascoltatore delle vs. produzioni da (oramai) parecchi anni,desidero esprimere il mio grande ed incondizionato apprezzamento per tutti ivs. lavori discografici che sono, indistintamente, sempre tutti di unaqualità eccelsa ! da una decina di giorni ho acquistato l’ ultimo Cd di vs.produzione ( "The best thing for You" di Emanuele Basentini e Carlo Atti ) edevo dire che è strepitoso ! so che sono imminenti le uscite di 2 nuovi cd,rispettivamente a nome di Mark Helian Kapedani ( grande pianista albaneseche già conosco ma che, ne sono certo, apprezzerò appieno grazie al vostrocd "Balkan Piano" ), dell’ ottimo organista ( ma non solo... ) Vito DiModugno ( di cui già possiedo i precedenti lavori realizzati con voi, ovvero"Organ grooves" ed "Organ trio", oltre al bellissimo disco realizzato con ilpadre Pino Di Modugno,"Bedouin" ) e di Vittorio Gennari che ho conosciuto grazie al vostro Cd Thesound " e di cui attendo, impaziente, il nuovo lavoro discograficorealizzato con voi... spero tanto che, in futuro, possano essere ristampati in cd alcuni splendidiLp realizzati da voi in questi 32 anni di attività: in particolar modo, amio parere, sarebbe bellissimo vedere ristampati il disco live di BobbyWatson con l’ Open Form Trio ( "Perpetual groove" ), il disco dell’ OpenForm Trio ( "Bapriza" ),l’ ellepì di Giampiero Prina [ assolutamente indimenticabile ] ( "Nighteyes" ), l’ ellepì di Piero Bassini intitolato " In the shadows " ed ildisco del grande... grandissimo Larry Nocella" Everything Happens to me "... che, fra parentesi, è, ( e rimane ) l’ unicodocumento discografico di questo grandissimo sassofonista troppo spesso(anzi, purtroppo, quasi sempre) dimenticato... io, per ragioni prettamenteanagrafiche, non ho mai avuto il piacere di sentirlo suonare dal vivoma..... mio padre, anch’ egli grande appassionato di jazz ed amante dellevostre produzioni discografiche, me ne parla sempre con grande ammirazione enostalgia....... fra parentesi, se le notizie in mio possesso non sonoerrate, l’ anno prossimo ricorrerà il ventennale dalla sua morte ed il 60modella nascita di questo eccezionale musicista... beh, penso che sarebbebellissimo ricordarlo ristampando quel bellissimo ellepì !ci spero tanto.... da ultimo volevo chiedere se, era vero che pubblichereteun dvd relativo alla vita di Massimo Urbani ? sinceramente, non rammemoropiù dove l’ ho letto... ma, sono sicuro, da qualche parte, di averloletto....ancora grandi e sinceri complimenti.... per tutto !

  68. Ale

    I CD Red Records hanno una marcia in più !! alessandra minetto


  •  
  •  
  • Code Image   

    Carica nuovo codice
    Il codice visualizzato fa distinzione tra le lettere maiuscole e quelle minuscole